Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui. Se accedi invece a un qualunque elemento sottostante questo banner o premi acconsenti all'uso del cookie.
Foto del giorno

Laboratorio "Espansioni" presso Yogarte, arti per il corpo e la mente. Il ciclo di incontri di sperimentazione sta confluendo...

Foto del giorno

Leggi di più →

Esperienze di regia e di danza


Dalle prove - Foto di Stefania Mantelli

Produzione di spettacoli e corti teatrali

Di tutti gli spettacoli e i corti teatrali che seguono ho curato regia, coreografie e a volte anche l'adattamento drammaturgico.

2018 - Una pagina dopo l'altra (progetto-performance)

Narrazione e danza, dal materiale di un laboratorio di teatro danza.

Leggi di più →

2018 - Non è colpa mia (corto teatro e danza)

Lui, lei, l'incontro, una storia. E all'improvviso una rete di costrizioni e di violenze. Per ragazzi e adulti.

Leggi di più →

2017 - Alcuni racconti da Marcovaldo (corti teatrali)

Marcovaldo, in cerca degli scorci di natura nascosti in città. Per ragazzi e per tutti.

Leggi di più →

2016 - Semi silenziosi (corto teatrale)

Ispirato a "L'uomo che piantava gli alberi" di Jean Giono, una storia raccontata a gran voce da semi silenziosi che scandiscono il tempo della vita. Protagoniste le radici, che dal substrato lavorano affinché tanti altri arrivino ad ascoltare la musica dell'acqua e del vento. O piuttosto la storia di un uomo taciturno che aveva lo strano vizio di contare le ghiande e credere negli alberi.

Leggi di più →

2015 - Alla luna (progetto-performance)

Momenti di teatro e di danza ispirati a dialoghi e versi di Leopardi, cercando anche tra "gli errori degli antichi": ragionamenti oltre le emozioni.

Leggi di più →

2014 - Natale d'autore (corti teatrali)

Racconti a tema natalizio da testi di svariati autori, che aumentano Natale dopo Natale. Tante proposte originali rivolte a tutti, grandi e piccoli, per riflettere con ironia d'autore sul significato del Natale.

Leggi di più →

2014 - "Confusioni" di Alan Ayckbourn (spettacolo teatrale)

Partendo da "Confusioni" di Alan Ayckbourn, alcuni corti teatrali divertenti e "confusi", che fra sfoghi inascoltati, ruoli esasperati all'interno delle mura domestiche e legami male assortiti, riflettono su tipiche dinamiche della quotidianità moderna.

2013 - "Incroci" (spettacolo teatrale)

Sotto il titolo di Incroci un mix di corti teatrali di Harold Pinter e Stefano Benni che hanno come temi comuni l'incomunicabilità e i fraintendimenti più o meno volontari. Tra coppie, nel mondo politico, tra le pareti aziendali. Tra chi si conosce bene e chi non si conosce ancora. C'è da ridere. E anche no.

2012 - "Devi vincere, David, sempre!" (spettacolo teatrale)

L'incredibile vita di un musicista quasi mancato. Una storia commovente, divertente, dolorosa, semplice, profonda... basata su una storia vera. Il piccolo David Helfgott, protetto in modo ossessivo e spronato continuamente dal padre ad essere sempre il migliore, cresce portandosi dentro un disagio che nell'adolescenza avrà una vera esplosione. Il suo innegabile talento, aiutato dalla volontà di molte persone vicine, è la chiave che permetterà risvolti inaspettati ed incredibili.

2011 - "Caracreatura" di Pino Roveredo (corto teatrale)

Parola, musica e danza insieme per raccontare la storia dell'amore, della disperazione e del coraggio di Marina, una donna che e' innanzitutto e sopra ogni cosa madre. Madre di un ragazzo tossicodipendente. Attraverso i ricordi, la donna rivive drammatici scorci di vita prima di un finale imprevedibilmente positivo.

2011 - "L'inventore di sogni" di Ian McEwan (spettacolo per ragazzi)

Alcuni racconti che hanno come protagonista Peter, un ragazzino intelligente che non resiste alla tentazione di fantasticare neppure durante i compiti in classe. "Foglio bianco anche questa volta... ma cosa dobbiamo fare con lui!?". Tra improbabili avventure, spuntano ragionamenti di un bambino molto adulto e curioso: "E se un giorno non mi divertissi più a giocare?"

2010 - La cava di pietra

Drammatizzazione della poesia "La cava di pietra" di Karol Wojtyla, con accompagnamento musicale dal vivo, all'interno di un recital organizzato dalla Fondazione Emmaus Dino Cusin

2009 - "Il Mondo Colorato da Amelie", un mondo immaginario pieno di gente vera (spettacolo teatrale)

Un mosaico di personaggi un po' veri e un po' frutto della fantasia di Amelie e del suo amico pittore. Ad Amelie piace molto indossare la maschera di salvatrice del mondo e colorare di bello le storie della gente triste che incontra. Ma quando non la indossa e prova semplicemente ad essere se stessa in mezzo agli altri, sembra un pesciolino fuori dall'acqua. Sarà Nino, il tuttofare del circo, a farla scontrare con il mondo vero.

2007 - "Vita di Galileo" di Bertolt Brecht (spettacolo teatrale)

"Chiesa o Scienza? Scienza o Chiesa?". Musica, danza e parola insieme per tratteggiare vivaci scorci della intensa vita del grande fisico ed astronomo Galileo Galilei. Dalla scoperta del cannocchiale all'abiura della teoria eliocentrica. Riflessioni ancora attualissime di un uomo del '600 che si interroga sui confini del sapere, della Chiesa e del potere.

2005 - "Il Gabbiano Jonathan Livingston" di Richard Bach (spettacolo per ragazzi)

È la storia di un gabbiano solitario a cui piaceva molto volare alto e di uno stormo ignorante a cui importava soltanto di mangiare. Jonathan, così si chiamava il gabbiano, aveva deciso: avrebbe ad ogni costo volato come nessun altro al mondo. Ma per cosa, esattamente? Per la libertà di poter scegliere, per il desiderio di migliorare, per la voglia di essere se stesso senza scendere a compromessi.

2004 - "Viaggio tra lineee e punti di vista" da Flatlandia di Edwin A. Abbot (spettacolo teatrale)

L'avventura di un uomo quadrato e squadrato che tra sogno e realtà incontra mondi sconosciuti ad una, due e tre dimensioni. Durante il viaggio scoprirà che non tutti possiedono gli stessi sensi e che non per tutte le parole c'è posto e capirà così che la vera conoscenza è la ricerca continua che nasce dal confronto.

 

Collaborazioni

Sempre apprezzata l'opportunità di collaborare con altri artisti o altre compagnie teatrali.

2017 - Lo scambio dei ventagli

Attrice-danzatrice nel dramma d'amore di Yukio Mishima con "Aion Teatro" per la regia di Stefano Bernini

2016 - Il caffé delle vedove

Momenti di teatro danza presentati all'interno del giallo noir con la compagnia "Da lì a qui teatro" con la regia di Giuseppe Caccamo

2016 - La misteriosa scomparsa di W

Momenti di teatro danza per la compagnia "Da lì a qui teatro" per la regia di Giuseppe Caccamo

2014 - Recital Alda Merini

Coreografie per un recital multimediale organizzato da Giuseppe Caccamo

2011 - Mondo sottomarino

Danzatrice insieme a Simone Comità. Coreografia di Simone Comità

2011 - La nemica

Coreografia per lo spettacolo drammatico "La nemica" di Dario Niccodemi, per la compagnia Carlo Verga diretta dal regista Ivano Vaglia

2010 - Cantante musicista Roberta D'Aragona

Coreografia "A che servono gli dei" in accompagnamento alla cantante musicista Roberta D'Aragona.

2010 - Gruppo musicale Heavennoise

Coreografie per il concerto "The last day before the sun" del gruppo dark Heavenoise.

2005 - Musical "Il re leone"

Alcune coreografie per il musical "Il re leone" per la Compagnia San Gregorio Barbarigo di Milano

"Accendiamo la lampada"

Coreografie per la commedia musicale "Accendiamo la lampada" per la Compagnia Gli Arcibaldi di Monza, con la regia di Ruggero Cerizza e successivamente con la compagnia "Tutto Bene, tranne..." di Milano, con la regia di Alex Bimbati

 
Non  colpa mia
Mix teatro, scienza, danza - Galileo
 
Parole mosse
Apertura Virgolette per citazioneLa natura non ha fretta, eppure tutto si realizza (Lao Tzu)
Chiusura Virgolette per citazione

Citazioni dagli spettacoli di teatro, movimento e danza messi in scena



SPUNTO MIXTEATRO

Curioso il fatto che quando il regista polacco Jerzy Grotowski battezzò "Teatro Laboratorio" il Teatro delle Tredici File di Opole di cui era diventato direttore, avesse in mente l'Istituto Niels Bohr di Copenaghen: un luogo protetto, dove persone di varia provenienza, fisici di vari Paesi, si confrontavano e lavoravano insieme per avanzare in modo rigoroso tra gli inesplorati territori della conoscenza, attraverso la ricerca.

MIXTEATRO 2.0
Muovendosi tra scienza e arte